3° obiettivo formativo

Il terzo obiettivo a complemento dei primi due, è di mettere lo Specializzando in condizione di integrare l’acquisita forma mentis in un saper fare, sostenuti anche da risorse psicologiche personali.

Risorse e competenze costruite mediante forme d’apprendimento basate sull’esperienza di sé in situazioni interattive, strutturate e destrutturate.

Queste ultime sperimentate in situazioni cliniche interpersonali, riesaminate attraverso la supervisione, o simulate durante le esercitazioni o affrontate durante le dinamiche di gruppo.

Lo scopo è di favorire nell’Allievo la costituzione di una condizione di sicurezza professionale e personale, a fronte delle risonanze dell’identificazione terapeutica, dei sentimenti d’impotenza o di onnipotenza, e nella cosiddetta “gestione dell’incertezza”.